TROINA. L’IRCCS Oasi, l’ASP e l’Associazione Italiana Malati di Alzheimer di Enna insieme per nuove strategie progettuali a favore dei pazienti

La Malattia di Alzheimer, tra le varie patologie neurodegenerative, è la quinta principale causa di morte a livello globale. In Italia sono tante le persone che ne soffrono, si stima attorno alle 600 mila e il numero, purtroppo, è destinato a crescere. Anche in provincia di Enna i numeri sono inquietanti. Oltre duemila gli individui che soffrono di questa patologia che colpisce circa il 5% della persone con più di 60 anni, provocando un’alterazione delle funzioni cerebrali e generando di conseguenza una serie di difficoltà per il paziente nel condurre normali attività quotidiane. La ricerca, al momento, non è riuscita a fornire una risposta risolutiva alla patologia, ma farmaci che rallentano il declino. I costi sociali sanitari e di assistenza sono notevoli. Oltre 11 miliardi i costi diretti annui per l’assistenza e nonostante ciò l’offerta dei servizi territoriali è disomogenea. Unico e solido pilastro nella gestione delle persone con Alzheimer ancora una volta è la famiglia, che evoca a sé l’onere assistenziale con notevoli costi economici ed emotivi che negli ultimi anni si sono sempre più aggravati.
Da queste premesse e su iniziativa del deputato all’ARS. On. Elena Pagana, vuole nascere una sinergia tra l’Irccs Oasi di Troina, l’ASP di Enna e l’A.I.M.A. di Enna, per iniziare un percorso condiviso su questa patologia, con l’obiettivo di realizzare una rete di collaborazione tra i vari Enti, un nuovo modello di servizi assistenziali sul territorio, una visione strategica e univoca e soprattutto ponendo al centro dell’attenzione la famiglia. Tre diversi Enti con expertise diverse e profondamente presenti nel territorio: la ricerca scientifica dell’Irccs di Troina, impegnata da molti anni nell’area dei disturbi cognitivi e delle malattie neurodegenerative, l’ASP di Enna che offre un servizio di assistenza attraverso l’attivazione dei Centre Alzheimer, e poi l’A.I.M.A un’organizzazione no-profit che si occupa da 35 anni di Alzheimer e da sempre a fianco delle famiglie. Un primo appuntamento tra i rappresentanti delle varie strutture si è tenuto nei giorni scorsi all’Oasi di Troina.
All’incontro hanno partecipato per l’Irccs Oasi di Troina il presidente Don Silvio Rotondo, il direttore scientifico, Raffaele Ferri, il direttore sanitario, Michelangelo Condorelli e il direttore amministrativo, Arturo Caranna; per l’ASP di Enna il dottore Claudio Millia in qualità anche di Direttore del Centro per i Disturbi Cognitivi e le Demenze; per l’A.I.M.A. di Enna il dottore Flavio Guzzone, l’On. Elena Pagana deputata all’ARS. Presente anche in questa occasione, in rappresentanza del Comune di Troina, l’Assessore Melina Impellizzeri. Dall’incontro è emersa la condivisa opinione di un comitato di lavoro che si occuperà dell’organizzazione di un importante convegno a settembre, in occasione della giornata mondiale dell’Alzheimer, e poi si terranno una serie di incontri periodici per sviluppare strumenti ed indirizzi progettuali appropriati alle varie esigenze dei pazienti sul territorio, proposte ed iniziative da sottoporre ai legislatori regionali e nazionali.

Salvo Calaciura
Addetto Stampa IRCCS Oasi Maria SS.


La Redazione
Autore -


'TROINA. L’IRCCS Oasi, l’ASP e l’Associazione Italiana Malati di Alzheimer di Enna insieme per nuove strategie progettuali a favore dei pazienti'

Nessun commento per questo articolo!

Inviaci un tuo commento

il tuo indirizzo email non viene pubblicato.

Copyright© 2017 | www.94014.it Tutti i diritti riservati | Policy Privacy | Credits: All inclusive | Testata giornalistica iscritta al Tribunale di Enna al n. 3 - 11.10.2019 | Direttore Responsabile: Massimiliano Ragusa | Editore: All inclusive P. Iva 01076510864