TROINA. l’Ars salva l’Oasi e i suoi 700 posti di lavoro

Nella seduta del 4 maggio, l’Assemblea regionale siciliana con l’approvazione dell’articolo 19 del Ddl stralcio, da parte dei deputati di tutti gli schieramenti politici, ha messo al sicuro le casse dell’Irccs “Oasi Maria SS.”, garantendo all’Istituto, per i prossimi 3 anni, 15 milioni di euro. Il provvedimento impegna gli assessorati regionali della Salute, della Famiglia delle politiche sociali e del lavoro, alla stipula di una convenzione sulle funzioni assistenziali che l’Istituto erogherà nel triennio 2016/2018. Il provvedimento è frutto di un emendamento presentato dall’onorevole Mario Alloro del Pd.

“Ad oggi – spiegano dall’Istituto – il perseverante rinvio della stipula della convenzione, scaduta nel 2012, ha causato al centro medico scientifico non poche difficoltà economico-finanziarie, mettendo a rischio la sostenibilità economica dell’ente. L’approvazione dell’emendamento pone le basi per un rilancio del servizio riabilitativo e assistenziale a favore dei disabili in Sicilia”.

L’Istituto eroga servizi e prestazioni sanitarie di alto livello e qualità, genera più di 5 mila ricoveri l’anno su 352 posti letto, per più di 100 mila giornate di degenza, e impegna oltre 700 lavoratori.

Soddisfatto del risultato il sindaco Fabio Venezia che parla di “uno sforzo corale di cittadini, famiglie e lavoratori, che hanno sostenuto con impegno e determinazione questa battaglia a partire dalla manifestazione del 17 febbraio scorso a Palermo”. Ma aggiunge, “adesso occorre tenere alta l’attenzione e continuare con impegno e perseveranza per dirimere le altre problematiche ancore irrisolte”.

L’attenzione politica sull’Istituto a garanzia del suo futuro è stato alto e ad intestarsi la battaglia è stato, con caparbietà l’onorevole Mario Alloro del Pd. “Con questa decisione – afferma l’onorevole Alloro – il Parlamento regionale siciliano fornisce un fondamentale sostegno economico all’Oasi di Troina, che consente alla sua “governance” e a tutti i lavoratori di guardare al futuro con serenità, senza dimenticare il sostegno alle famiglie dei disabili assistiti, ai quali si potrà fornire un fondamentale supporto materiale e psicologico. Un concreto passo in direzione del mantenimento degli altissimi standard qualitativi che la struttura ennese offre ai suoi utenti e alle loro famiglie”.


La Redazione
Autore -


'TROINA. l’Ars salva l’Oasi e i suoi 700 posti di lavoro'

Nessun commento per questo articolo!

Inviaci un tuo commento

il tuo indirizzo email non viene pubblicato.

Copyright© 2017 | www.94014.it Tutti i diritti riservati | Policy Privacy | Credits: All inclusive | Testata giornalistica iscritta al Tribunale di Enna al n. 3 - 11.10.2019 | Direttore Responsabile: Massimiliano Ragusa | Editore: All inclusive P. Iva 01076510864