SPORT. Troina: la ripresa è un rebus. I possibili scenari nelle parole di Giuffrida e Calaciura

Ormai da circa un mese e mezzo il campionato di serie D è fermo a causa dell’emergenza Covid-19 e ancora oggi non si hanno notizie certe riguardanti una possibile ripresa. Gli scenari sono tutti da definire e in questi ultimi giorni si sono susseguite diverse ipotesi avanzate dai vertici federali per capire se il campionato riprenderà o verrà concluso in anticipo.
A tal proposito abbiamo raccolto le dichiarazioni del dg rossoblù Walter Giuffrida: «Non so se i campionati riprenderanno, siamo in attesa di risposte dalla Lega, che a sua volta sta aspettando il parere del CTS. Qualunque sia la decisione che verrà presa sarà frutto di valutazioni scientifiche sul piano sanitario che terranno conto in prima analisi della salute di tutti, ovvero atleti, tecnici ma anche del pubblico. Spero si possa tornare in campo anche se non sarà facile».
Qualora non ci fossero le condizioni per ripartire, la Lega avrebbe il problema dei verdetti: «È difficile esprimersi a riguardo. Tecnicamente nessuna squadra ha vinto il campionato e nessuna è retrocessa, per cui tutte la partecipanti potrebbero aspirare a qualcosa. Certo è che se non si potrà tornare in campo ci si dovrà sedere a un tavolo e tenere conto delle esigenze di tutti: della Lega, delle società e dei tifosi».
Su questo complesso scenario si è espresso anche il ds Pippo Calaciura: «Personalmente auspico una ripresa del campionato perché i verdetti devono maturare sul campo e non a tavolino. Ma è solamente un mio pensiero e come società abbiamo piena fiducia nel lavoro degli esperti. Sicuramente noi ripartiremmo con diversi handicap visto che l’hotel in cui alloggiava la squadra è stato requisito per far fronte all’emergenza e ciò potrebbe essere un problema anche per le compagini ospiti. In più avevamo un impegno per far partire i lavori di ristrutturazione del “Proto” in aprile, e purtroppo questa situazione rinvierà il tutto di qualche mese. In ogni caso ci tengo a dire che faremo anche l’impossibile per sopperire a queste problematiche, qualora ci sia il via libera per la ripresa».
L’ipotesi di riapertura potrebbe verificarsi disputando le rimanenti gare a porte chiuse, un contesto che il ds troinese non si auspica: «Mi piacerebbe ripartire con gli spalti pieni, anche se sono pienamente convinto che debbano sussistere le condizioni di sicurezza per garantire la salute di tutti. Vedere gli stadi vuoti in serie A è stato alquanto anomalo e surreale. Il calcio è dei tifosi: loro sono una componente essenziale del gioco e mi auguro che si tenga conto anche di questo. Anche dal punto di economico sarebbe un duro colpo, non solo per noi, ma per gran parte delle società dilettantistiche, che puntano molto sugli introiti domenicali».

Fabrizio Tomasi


La Redazione
Autore -


'SPORT. Troina: la ripresa è un rebus. I possibili scenari nelle parole di Giuffrida e Calaciura'

Nessun commento per questo articolo!

Inviaci un tuo commento

il tuo indirizzo email non viene pubblicato.

Copyright© 2017 | www.94014.it Tutti i diritti riservati | Policy Privacy | Credits: All inclusive | Testata giornalistica iscritta al Tribunale di Enna al n. 3 - 11.10.2019 | Direttore Responsabile: Massimiliano Ragusa | Editore: All inclusive P. Iva 01076510864