REGALBUTO. Arrestato allevatore per ricettazione e furto aggravato

Venerdì 27 maggio, dalle prime luci dell’alba, i carabinieri del Comando provinciale di Enna hanno setacciato il territorio ennese tra i comuni di Troina, Centuripe e Regalbuto, impiegando oltre 70 uomini con l’ausilio di unità cinofile antidroga e per la ricerca di armi, provenienti dal Nucleo cinofili di Nicolosi (Ct). Numerose le perquisizioni svolte a carico di pregiudicati. Arrestato un allevatore per ricettazione e furto aggravato di energia elettrica mentre un’altro, che aveva in casa cartucce a pallettoni detenute illegalmente, è stato denunciato per macellazione clandestina.

“Nel corso delle attività di rastrellamento e perquisizione -spiegano i carabinieri – è stata controllata l’abitazione e l’azienda agricola di un allevatore 68enne nativo Cesarò (Me), ma residente in una contrada rurale di Regalbuto. Nel corso del controllo, all’interno della proprietà è stato rinvenuto un automezzo, risultato rubato in provincia di Catania nell’aprile 2013, e numerosi ricambi di auto. L’intera struttura è risultata allacciata abusivamente alla corrente elettrica. L’uomo infatti aveva manipolato il contatore e si era attaccato alla rete elettrica mediante manomissione-danneggiamento della rete BT della Società Enel, determinando all’ente un ingente danno economico. Personale specializzato, intervenuto sul posto, provvedeva al ripristino dello stato luoghi, mentre l’allevatore veniva tratto in arresto con l’accusa di ricettazione e furto aggravato in attesa di giudizio direttissimo”.

“A casa di un allevatore – confermano i carabinieri – noto alle forze dell’ordine, 44enne nativo di Tortorici (Me) ma residente nella contrada Sisto di Regalbuto, sono state rinvenute cartucce a pallettoni illegalmente detenute e scoperto, all’interno di un’abitazione rurale, un locale destinato alla macellazione clandestina, con all’interno alcuni ovini e bovini già sezionati. Il locale è stato posto sotto sequestro è l’uomo denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Enna”.

L’attività, che investe da alcuni giorni diverse zone agricole e pastorali del comprensorio nebroideo, rientra nella serie di controlli straordinari disposti dopo l’attentato, del 18 maggio scorso, in cui è stato coinvolto il presidente del “Parco dei Nebrodi”, Giuseppe Antoci e che vede anche in prima linea l’impegno del sindaco di Troina, Fabio Venezia


La Redazione
Autore -


'REGALBUTO. Arrestato allevatore per ricettazione e furto aggravato'

Nessun commento per questo articolo!

Inviaci un tuo commento

il tuo indirizzo email non viene pubblicato.

Copyright© 2017 | www.94014.it Tutti i diritti riservati | Policy Privacy | Credits: All inclusive | Testata giornalistica iscritta al Tribunale di Enna al n. 3 - 11.10.2019 | Direttore Responsabile: Massimiliano Ragusa | Editore: All inclusive P. Iva 01076510864