Primi casi di blue whale anche in Sicilia

Il blue whale arriva anche in Sicilia

Un triste e agghiacciante fenomeno si sta affermando tra gli adolescenti: il blue whale, che in inglese significa la balena blu. In Russia un giovane ha iniziato su un social network a diffondere questo drammatico gioco, che ha un tragico epilogo, il suicidio di chi ha deciso di partecipare.  Prima di uccidersi i giovani adolescenti devono tagliarsi, svegliarsi di notte, vedere film dell’orrore,  praticare riti di autodistruzione inquietanti. Un gioco che colpisce i giovanissimi,  che dall’ex Unione sovietica si sta pian piano allargando in tutto il mondo e che nelle giovani e fragili menti dei giovanissimi trova un humus fertile e decisamente soft. Prima si inizia per gioco e poi ci si spinge sempre avanti fino a gesti estremi, si legge in alcuni commenti di chi ha gia provato un gioco pericoloso e autodistruttivo. Il blue whale è arrivato anche in Sicilia, prima con il caso di una ragazza a Caltanissetta che era quasi giunta ad un gesto estremo chiedendosi nel bagno della scuola, salvata dall’intervento dei compagni di classe e dalla insegnanti e oggi  anche a Palermo,  dove una ragazza ha scritto in un muro di un centro commerciale di volersi buttare da un ponte il 4 giugno.  Giovani disorientati,  giovani che non hanno ideali, giovani che non hanno il valore della vita e che vogliono dimostrare facendosi del male e suicidandosi per suscitare forse interesse tra i coetanei,  ma che non capiscono la bellezza della vita e il dolore che possono provocare ai parenti e agli amici.



La Redazione
Autore -


'Primi casi di blue whale anche in Sicilia'

Nessun commento per questo articolo!

Inviaci un tuo commento

il tuo indirizzo email non viene pubblicato.

Copyright© 2017 | www.94014.it Tutti i diritti riservati | Policy Privacy | Credits: All inclusive | Testata giornalistica iscritta al Tribunale di Enna al n. 3 - 11.10.2019 | Direttore Responsabile: Massimiliano Ragusa | Editore: All inclusive P. Iva 01076510864