NICOSIA. Niente affitto per il Ccr, l’area è demaniale

Dopo la notizia dell’arrivo dei nulla osta da Soprintendenza e Forestale, per la realizzazione della piattaforma che in un’area della ex discarica San Giovanni – Canalotto ospiterà il Ccr (Cntro comunale raccolta), si scopre che l’area è demaniale e quindi il Comune, che l’ha ottenuto con un comodato d’uso, non potrà percepire affitti.

La conferma arriva dal vicesindaco Annamaria Gemmellaro. “proprio per questo – dichiara –  dovremo rivedere la delibera di affidamento dell’area perché era basata sul presupposto che l’area fosse del Comune”.

A maggio scorso, con delibera di Giunta, l’amministrazione comunale aveva stabilito che non potendo realizzare il Ccr, per mancanza delle risorse necessarie, di autorizzare l’Ati Multiecoplast Srl e Gilma Srl alla realizzazione del sito in cui dovranno essere stoccati i rifiuti differenziati prodotti in città. Realizzazione che è nella fase finale. Il progetto, sulla base della delibera adesso da modificare, prevede un investimento di 71 mila euro, ai cui vanno aggiunti i costi di progettazione, di direzione lavori, gli oneri di allaccio ai servizi pubblici e i costi di manutenzione per 7 anni. La ditta avrebbe dovuto pagare al Comune un affitto di 5 mila euro l’anno.

“La ditta non pagherà affitto – continua la Gemmellaro – visto che l’area non è nostra, ma demaniale. L’abbiamo ottenuta – sottolinea – con un comodato d’uso gratuito nell’interesse della collettività. Ma voglio dire anche che in comodato abbiamo ricevuto anche della strumentazione, compresa quella per la pesatura, da Nicosia Ambiente che ha voluto lasciarcela”.

A questo punto l’avvio della raccolta differenziata in città si fa più vicina, ma con una importante novità.

“Stiamo valutando – annuncia la Gemmellaro – di attivare la fase intermedia della differenziazione che ci porterebbe ad un abbattimento di spesa”. A quanto pare nel Ccr di Nicosia, queste almeno sono le intenzioni, i rifiuti differenziati verrebbero sottoposti ad una prima lavorazione, con la pulitura e quindi l’imballaggio dopo essere stati compattati. E solo dopo verrebbero trasferiti nei siti di trasformazione coi quali si sta lavorando alle convenzioni.

In ogni caso la differenziata partirà presto, si parla dei primi di settembre, e le prime ad usufruire del servizio saranno le attività commerciali, ed entro un mese dall’avvio partirà la raccolta differenziata nelle abitazioni private, con il servizio “porta a porta”. L’obiettivo sarebbe quello di arrivare, entro il 30 novembre 2016, al 65% di raccolta differenziata, ma visto che mancano solo 3 mesi e la raccolta non è ancora partita sembra improbabile che l’obiettivo venga centrato.


La Redazione
Autore -


'NICOSIA. Niente affitto per il Ccr, l’area è demaniale'

Nessun commento per questo articolo!

Inviaci un tuo commento

il tuo indirizzo email non viene pubblicato.

Copyright© 2017 | www.94014.it Tutti i diritti riservati | Policy Privacy | Credits: All inclusive | Testata giornalistica iscritta al Tribunale di Enna al n. 3 - 11.10.2019 | Direttore Responsabile: Massimiliano Ragusa | Editore: All inclusive P. Iva 01076510864