LEONFORTE. Le pietre si conservano solo se i cittadini le custodiscono

Domenica 19 Luglio, nel largo Emanuela Loi, Leonforte ha ricordato, con l’Associazione Culturale Arcobaleno, le autorità e le rappresentanze istituzionali nazionali-regionali e locali, le vittime di via D’Amelio nel 28° anniversario della strage. Nello stesso pomeriggio, in chiesa madre, padre Carmelo Giunta celebrava una messa in suffragio della prof. Giovanna Maria, presidente dell’Università Popolare, storica e cultrice della memoria paesana. Finita la messa molti leonfortesi si sono recati a vedere lo strano caso del muro scomparso in via Granfonte. Lungo la strada che porta alla Brivatura un muro che delimitava un quartierino, in parte imploso, non c’è più. Molta la “ciaramunia” e tanto il chiacchiericcio, ma di certo poco c’è. La zona storica da tempo è passata da risorsa a “camurria”, ma ai vecchi muri il leonfortese è affezionato come assai legato è al corrimano in pietra portato via dalle piogge recenti. La comunità pertanto auspica che dalle macerie risorgano e il muro e il passamano, analoghi per tipologia costruttiva e caratteristiche; così da rendere armonioso il percorso del passeggero in pellegrinaggio alla Granfonte.

Gabriella Grasso


La Redazione
Autore -


'LEONFORTE. Le pietre si conservano solo se i cittadini le custodiscono'

Nessun commento per questo articolo!

Inviaci un tuo commento

il tuo indirizzo email non viene pubblicato.

Copyright© 2017 | www.94014.it Tutti i diritti riservati | Policy Privacy | Credits: All inclusive | Testata giornalistica iscritta al Tribunale di Enna al n. 3 - 11.10.2019 | Direttore Responsabile: Massimiliano Ragusa | Editore: All inclusive P. Iva 01076510864