La Fede ai tempi del Coronavirus

Questo virus sta, di giorno in giorno, modificando le nostre vite. Sta modificando non solo i nostri comportamenti, ma anche la visione che abbiamo del mondo. Avevamo toccato l’onnipotenza, ma siamo stati scossi da un essere microscopico, quasi a volerci far dire dalla natura “state ai vostri posti”. Inoltre, la non attività ha ridotto grandemente le immissioni inquinanti, dimostrando sempre più che non è la Terra ad aver bisogno di noi ma il contrario. Infine si sta riscoprendo cosa “vale” realmente. E sicuramente, si spera, si sta comprendendo il valore dell’economia e in generale del denaro come un mezzo e non un fine per il benessere collettivo. Le ultime proposte di Salvini hanno, inoltre, gettato una luce su un altro aspetto, ovvero la dimensione spirituale di ognuno di noi. Premesso che spesso siamo stati critici nei confronti del leader leghista e ben sappiamo che queste proposte mirano alla “pancia” dell’elettorato, è indubbio il fatto che Salvini abbia portato all’attenzione di tutto un qualcosa di veramente importante. Perché si discute tanto di salvaguardare l’uomo in quanto macchina produttiva, poco si parla di uomo in quanto tale (ed è in quanto tale perché possiede anche una dimensione spirituale).
Oggi è il Venerdì Santo e per le strade di Nicosia, chi per fede, chi per abitudine, chi per folklore (perché è indubbio che anche gli atei sarebbero stati lì) si sarebbe riversata una folla immensa dietro il Crocifisso del Padre della Provvidenza. La domenica, invece, una Piazza Garibaldi sarebbe stata stracolma per assistere allo “Scontro”. Ambedue gli eventi, ovviamente, non si terranno per le misure di restrizione imposte dal Governo. E or ci chiediamo: non ci sentiamo tutti più poveri? Non ci sentiamo tutti più vuoti? È inutile provare a dire di no. La fede, o come si vuole definire, è una componente importante di ciascuno di noi. E mentre alcuni, che si possono definire in maniera educata semplicemente irrispettosi, si fanno sberleffo della fede Nostra (postando su facebook una serie di insulti e prese in giro su preti che trovano metodi per mantenere rapporti co i fedeli), Noi rispettiamo questi eventi e anzi li prendiamo come spunti per la futura ricostruzione, che non dovrà essere solo mirante all’uomo materiale ma anche quello spirituale.

Alain Calò


La Redazione
Autore -


'La Fede ai tempi del Coronavirus'

Nessun commento per questo articolo!

Inviaci un tuo commento

il tuo indirizzo email non viene pubblicato.

Copyright© 2017 | www.94014.it Tutti i diritti riservati | Policy Privacy | Credits: All inclusive | Testata giornalistica iscritta al Tribunale di Enna al n. 3 - 11.10.2019 | Direttore Responsabile: Massimiliano Ragusa | Editore: All inclusive P. Iva 01076510864