ENNA. Fermato il “pirata” che ha ucciso il ciclista

La polizia ha fermato, oggi, l’uomo che ieri si è dato alla fuga, dopo aver investito, uccidendolo, un ciclista lungo la strada statale che collega Pergusa ad Enna. L’uomo è stato rintracciato nella mattinata di oggi dalla Sezione polizia stradale di Enna. Si tratta di Pasquale Mingrino, classe 1966, pregiudicato, originario di Enna ma attualmente residente a Pietraperzia. Ieri alla guida della sua autovettura, una Alfa Romeo “156”, ha investito, colpendolo mortalmente, un ciclista, mentre questi percorreva la Pergusa – Enna.

A perdere la vita, Maurizio Vaneria, 50 anni, originario di Valguarnera ma da anni residente a Enna. Un artigiano, sposato e padre di due figli adolescenti.L’uomo è stato rintracciato nella mattinata di oggi dalla Sezione polizia stradale di Enna. Si tratta di Pasquale Mingrino, classe 1966, pregiudicato, originario di Enna ma attualmente residente a Pietraperzia. Ieri alla guida della sua autovettura, una Alfa Romeo “156”, ha investito, colpendolo mortalmente, un ciclista, mentre questi percorreva la strada statale che collega Pergusa ad Enna.

“Dopo l’incidente Mingrino – spengano dalla Questura di Enna – si era dato alla fuga, facendo perdere le proprie tracce, senza prestare soccorso alla vittima, che veniva trovata già esanime dai poliziotti e dagli agenti della polizia municipale, che per primi erano intervenuti sul luogo dell’incidente, procedendo sia ai rilievi che all’ispezione cadaverica insieme al medico legale. Le ricerche dell’autovettura che ha provocato l’incidente, sono proseguite senza sosta per tutta la serata e la notte, con il concorso di tutte le forze di polizia della Provincia”.

Stamattina gli uomini della polizia stradale, nell’ambito di un servizio mirato sono riusciti ad individuare l’autovettura segnalata a Pietraperzia, con a bordo  Mingrino.

“L’uomo, a seguito delle risultanze investigative, è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto di iniziativa della polizia giudiziaria per l’ipotesi di omicidio stradale, aggravato, tra l’altro – sottolineano dalla Questura ennese – dalla fuga”.

L’indagine è coordinata dal sostituto procuratore di Enna Giovanni Romano.


La Redazione
Autore -


'ENNA. Fermato il “pirata” che ha ucciso il ciclista'

Nessun commento per questo articolo!

Inviaci un tuo commento

il tuo indirizzo email non viene pubblicato.

Copyright© 2017 | www.94014.it Tutti i diritti riservati | Policy Privacy | Credits: All inclusive | Testata giornalistica iscritta al Tribunale di Enna al n. 3 - 11.10.2019 | Direttore Responsabile: Massimiliano Ragusa | Editore: All inclusive P. Iva 01076510864