BILANCIO. Commissari nell’ennese, ma la Regione frena

Nominati anche in provincia di Enna i commissari ad acta per l’approvazione dei bilanci consuntivi 2015 e di previsione 2016, il termine è scaduto il 30 aprile. Con decreti assessoriali 97 e 105 del 16 giugno 2016, Luisa Lantieri, assessore alle Autonomie locali, ha nominato 18 commissari in provincia di Enna.

Paradossale l’ennesima situazione sfavorevole che devono subire i Comuni, in Sicilia i commissariamenti riguardano 200 Comuni, con i costi che ricadranno sulle casse dei comuni, tra i 5 e 10 mila euro. Ma se la regione ha nominato i commissari, e non poteva fare diversamente, rumors di palazzo fanno sapere che il loro insediamento potrebbe non esserci o che quanto meno si sta cercando di rallentarlo.

A Nicosia è stata nominata il funzionario regionale Daniela Leonelli. Ad Enna, Agira, Centuripe e Nissoria è stato inviato Carmelo Messina. Ad Assoro, Pietraperzia, e Valguarnera Giuseppe Petralia. A Calascibetta e Sperlinga Angelo Sajeva. A Catenanuova Antonio Garofalo, a Gagliano Nicolò Lauricella. Ad Aidone e Piazza Armerina Vincenzo Raitano, a Leonforte Vincenzo Lauro. A Regalbuto Carlo Turriciano e infine a Villarosa e Cerami Girolamo Gangi. Solo Barrafranca e Troina non sono stati commissariati per la mancata approvazione del previsionale 2016, mentre e Barrafranca, Leonforte, Nissoria e Valguarnera sono esclusi dalla mancata approvazione dei consuntivi 2015.

I commissari ad acta saranno chiamati a far approvare i bilanci.

La causa principale della mancata approvazione dei bilanci sono imputabili ai mancati trasferimenti Regione Comuni. Le somme dei fondi regionali, di cui non si conosce l’importo preciso, hanno subito pesanti tagli non permettendo ai comuni di completare l’iter di approvazione dei bilanci di previsione per il 2016. Solo pochi giorni fa sono stati sboccati 240 dei 345 milioni destinati agli enti locali da parte dello Stato. A questo si deve aggiungere l’introduzione del nuovo sistema contabile che ha imposto una rivoluzione totale nell´approccio alla redazione degli strumenti finanziari ed ha messo in difficoltà gli uffici finanziari dei Comuni.

A Nicosia il commissario nominato è Daniela Leonelli. Giorno 20 giugno, nel pomeriggio, è arrivata l’approvazione da parte della Giunta Bonelli del bilancio consuntivo 2015 e adesso si attende l’approvazione de parte del consiglio comunale. Adesso il bilancio di previsione 2016 verrà approvato su indicazione del commissario stesso che ha un incarico di 90 giorni. Il commissario verificherà, inoltre, gli schemi di bilancio, sia consuntivo 2015 sia di previsione 2016, diffidando l’amministrazione in caso di eventuali inadempimenti e se non si adoperino dopo la diffida. Nel caso in cui il commissariamento non porti all’approvazione dei bilanci la pena sarà la decadenza del consiglio comunale, che ha tempo 30 giorni, dalla convocazione del civico connesso da parte del commissario, per l’approvazione.

I Comuni subiscono ancora una volta le conseguenze di un centralismo paralizzante da parte dello Stato e di una cattiva e paradossale amministrazione da parte della Regione Sicilia. I Comuni sono sul piedi di guerra, dopo aver atteso a lungo i trasferimenti dei fondi, che ancora non sono arrivati, adesso arriva anche il commissariamento ad acta.


La Redazione
Autore -


'BILANCIO. Commissari nell’ennese, ma la Regione frena'

Nessun commento per questo articolo!

Inviaci un tuo commento

il tuo indirizzo email non viene pubblicato.

Copyright© 2017 | www.94014.it Tutti i diritti riservati | Policy Privacy | Credits: All inclusive | Testata giornalistica iscritta al Tribunale di Enna al n. 3 - 11.10.2019 | Direttore Responsabile: Massimiliano Ragusa | Editore: All inclusive P. Iva 01076510864