Bandi


CONFAGRICOLTURA. Presentazione Domanda Pac e 2019, ecco tutte le scadenze

La domanda unica di pagamento per il 2019 va presentata anche quest’anno il 15 maggio. L’Agea ha pubblicato il 4 febbraio scorso le istruzioni. Le scadenze fissate sono il 15 maggio per le domande iniziali, il 31 maggio per quelle di modifica. La comunicazione del ritiro delle domande può essere inoltrata fino al momento in cui l’Organismo pagatore comunica l’irregolarità. In ogni caso le comunicazioni non possono essere presentate oltre il 10 giugno 2020.
Il termine ultimo della presentazione tardiva è il 10 giugno 2019, in questo caso l’importo assegnato all’agricoltore viene decurtato dell’1% per ogni giorno lavorativo di ritardo. Il taglio non scatta per l’aiuto de minimis al grano duro.
L’Agea ricorda che l’agricoltore deve dichiarare nel piano di coltivazione le modalità di mantenimento delle superfici. Da quest’anno se il mantenimento delle superfici a pascolo è eseguito con modalità diverse da questa, il beneficiario deve dimostrare nella documentazione l’esecuzione dell’attività di mantenimento dei terreni. Nel caso in cui l’attività sia lo sfalcio occorre documentare la destinazione delle erbe sfalciate. Per le superficie indicate come “Pratiche locali tradizionali” l’unica attività ammessa è il pascolo.
Le pratiche utilizzate per mantenere i parti permanenti sono: pascolamento con animali propri o con animali di terzi, sfalcio manuale e meccanizzato, pratiche colturali per migliorare il pascolo, pascolamento e sfalcio, nessuna pratica o , infine, pratica stabilita nell’ambito delle misure di conservazione o dei piani di gestione prescritti dagli enti gestori dei siti di importanza comunitaria e delle zone di protezione speciale.
La circolare detta anche le disposizioni tecniche dell’aratura dei terreni.
Infine l’Amministrazione specifica che le superfici devono essere detenute dall’agricoltore alla data di presentazione della domanda iniziale, il 15 maggio, anche se gli atti di trasferimento dei titoli possono essere sottoscritti e registrati fino al 10 giugno 2019 data ultima della presentazione tardiva. E’ necessario dunque recarsi presso gli uffici territoriali dei CAA per i necessari adempimenti.


Vivere bene e con profitto nei territori rurali siciliani si puo’ fare?Sottomisura 7.6 e 16.1 PSR 2014/2020 della Regione Sicilia

La sottomisura 7.6 e 16.1, previsti dal PSR 2014/2020 della Regione Sicilia, sono ormai una realtà così come le disposizioni attuative relative a ciascun Bando.
“Leggendone” le caratteristiche e le disposizioni attuative, http://www.psrsicilia.it/Misure/16/Bando%20sottomisura%2016.1.pdf,
http://www.psrsicilia.it/Misure/07/Bando%20pubblico%207.6.pdf ci si pone la domanda se i progetti di sviluppo sostenibili sottesi siano fattibili e se le somme messe a disposizione siano sufficienti.
Lo staff di Sicilia360map si permette di rispondere positivamente alla prima domanda e sul secondo quesito ritiene che l’efficienza e l’efficacia degli obiettivi previsti dai bandi siano raggiungibili attraverso un lavoro di promo-commercializzazione in Italia e all’estero con tecnologie 2.0 inserite in un progetto tecnico e commerciale, partecipato e condiviso, partendo dal basso con il coinvolgimento di tutti i fornitori di servizi locali, pubblici e privati.
La convinzione di cui sopra nasce, infatti, dal contributo della letteratura sociale che afferma, ormai da molto tempo, come per il viaggiatore/internauta 2.0, che naviga liberamente su internet, il viaggio comincia già nella sua mente.
Il turista adulto e/o bambino deve essere, pertanto, in grado di visitare virtualmente da remoto un territorio prima ancora di essere sul luogo, attraverso la fotografia immersiva (Virtual Tour e/o Realtà Aumentata), standard o in alta definizione, dove le immagini sono capaci, da sole, di suscitare il desiderio, la curiosità della visita e di trasformare l’internauta in visitatore.
Il turista/internauta, divenuto ospite, vuole inoltre, vivere liberamente in mobilità la sua vacanza utilizzando gli smartphone e i tablet per conoscere, comprendere e valutare i saperi e i sapori che gli stanno attorno.
Infine, finita la visita, il turista/ospite, deve essere messo in grado di lasciare commenti e racconti sulla sua esperienza di turismo esperenziale, di leggere altri commenti e di utilizzare il passaparola per “raccontare” a casa con la tecnologia 4.0 la/le esperienze vissuta/e, integrandola/e con i principali Social Network, così da essere fidelizzato e invogliato a ritornare.
A rivendicare questa “mission” e questa “vison” Sicilia360map mette a disposizione il proprio team interno e la collaborazione esterna fattiva di un’infrastruttura socio-tecnica e tecnologica di supporto singolarmente, specificamente ed unicamente esperta, oltre che internazionalmente titolata.

Bertino Stefano Antonio
www.sicilia360map.it
Email s.a.bertino@sicilia360map.it
Cell 3313488713


 

Copyright © 2017 | www.94014.it Tutti i diritti riservati | Policy Privacy | Credits Sitoidea.it