Mobilità 2018/2019: l’UNICOBAS ai confederali

Tra qualche giorno, al massimo settimana, puntuale arriverà la notizia che migliaia di docenti aspettano, ossia le sorti di coloro che produrranno domanda di mobilità per l’as 2018/2019.
Per l’as 2017/2018 CGIL, CISL, UIL e SNALS hanno ceduto alle pressioni del governo, svendendo di fatto l’intero comparto scuola che ha prodotto domanda di mobilità , abbassando la testa anche sulla chiamata diretta.
In realtà anche quest’anno non ci sarà nessuna “VERA” contrattazione, tutto è già stabilito, il governo porterà a casa ciò che chiede e i sindacati assertivi al padrone chineranno la testa sventolando ai quattro venti il grande risultato “FARSA” raggiunto.
I confederali però dimenticano che da qualche anno la tendenza dei docenti a fidarsi dei pronta-firma si è ridotta drasticamente.
Il corpo docente guarda di buon grado i sindacati di base dando loro fiducia.
Le domande che ci poniamo sono le seguenti?
1)Si accontenteranno ancora di sole 5 scuole per mantenere la titolarità su istituto (in caso contrario si finirà su ambito) o si batteranno questa volta, a “portare” quantomeno da 5 a 10 le scuole su cui ottenere la titolarità?
2)Si batteranno questa volta per rimediare all’indecente CHIAMATA DIRETTA? Essa infatti viola il principio costituzionale della libertà d’insegnamento e di apprendimento, rendendo possibile nella scuola pubblica il proliferare di vere e proprie “Scuole di tendenza” e a gestione personalistica.
3)Sugli ambiti territoriali, “punteranno i piedi”?
4)Si batteranno affinché il collegio docenti (che affianca il DS nella formulazione dei criteri) , possa proporre titolarità, graduatorie e punteggi , come requisiti? (Sempre che non si rifacciano a quelli dell’anno prima)…
5)Come procederanno per ciò che concerne la titolarità nel parapiglia tra docenti a tempo indeterminato, di sostegno , di potenziamento e dell’autonomia?
6)Si batteranno affinché vengano messi a disposizione tutti i posti in organico di fatto e i posti in deroga per il sostegno e la trasformazione dell’organico potenziato in organico aggiuntivo d’Istituto?
I docenti “PURTROPPO” conoscono già la risposta a queste domande, a darne conferma però saranno i diretti interessati a stretto giro…
L’UNICOBAS ribadisce che le norme sulla mobilità attuale violano i diritti in materia di titolarità d’istituto da parte degli insegnanti.
Attendiamo impazienti di vedere chi sarà il primo sindacato (tra CGIL,CISL,UIL, SNALS e GILDA) a tradire la fiducia dei docenti proprio su mobilità INTERPROVINCIALE, PROVINCIALE , CHIAMATA DIRETTA E TITOLARITÀ.
CHI SARÀ IL GIUDA ISCARIOTA CHE TRADIRÀ MIGLIAIA DI DOCENTI? La risposta arriverà a breve….
UNICOBAS CIB SCUOLA & UNIVERSITÀ Sicilia
Il Segretario Regionale
Dott. Marco Monzù Rossello

750 Visite totali, 10 visite odierne

Share on Facebook70Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn1Email this to someonePrint this page

Staff
Autore -


'Mobilità 2018/2019: l’UNICOBAS ai confederali'

Nessun commento per questo articolo!

Inviaci un tuo commento

il tuo indirizzo email non viene pubblicato.

Copyright © 2017 | www.94014.it Tutti i diritti riservati | Policy Privacy | Credits Sitoidea.it

Directory Wizard powered by www.polldirectory.net